sabato 14 ottobre 2017

Le rovine del castello di Mistamere e il bilanciamento degli incontri OSR

Scaricabile gratuitamente da ddmystara.altervista.org, questo modulo riprende e amplia l’avventura di gruppo introduttiva presente nel manuale del master della mitica scatola rossa. L’avventura originale comprendeva solo il primo livello del dungeon e la mappa del secondo; ne “Le rovine del castello di Mistamere” vengono descritti per intero il secondo e il terzo livello, con tanto di scontro finale con il mago malvagio Bargle.

Sull’onda dell’entusiasmo per Darkest Dungeon (vedi mio articolo precedente) e incuriosito da alcuni articoli sul gioco free-form, ho voluto masterizzare ai miei amici un’avventura per Labyrinth Lord, e la mia scelta è ricaduta su questa che mi sembrava emblematica e sufficientemente breve. Purtroppo abbiamo chiuso dopo tre sessioni con due Total Party Kill.

Nell’introduzione del modulo è scritto che l’avventura è adatta per quattro personaggi di primo livello; come ha giustamente notato uno dei miei giocatori: “Ma neanche per quattro personaggi con tutti 18”! L’avventura in sé non è male all’interno del genere Dungeon Crawl, nel senso che non è particolarmente coerente, ma ha diverse trovate interessanti che tengono alto l’interesse; il problema è il bilanciamento degli incontri. D’accordo che nella Vecchia Scuola gli incontri non erano bilanciati, ma qui è un massacro! Viene frustrata la voglia di esplorare dei giocatori.

Probabilmente l’avventura originale era pensata per una decina di personaggi, altro che quattro, e anche così secondo me sarebbe stata una moria senza utilizzare la regola zero o qualche house rule a salvaguardia delle vite dei PG (io ho introdotto la regola del “punto di morte”, presa pari pari da Darkest Dungeon, e trovo che sia una soluzione ottima; ve ne parlerò in qualche prossimo articolo). Ma anche entrando nel castello in dieci (o in quattro con seguaci al seguito), restano ugualmente abissi di sbilanciamento tra un incontro e l’altro, e inoltre (fattore non trascurabile) al primo livello non ci sono abbastanza tesori/px per far passare di livello i PG prima che scendano al livello inferiore del dungeon.

Viene detto che la modalità di gioco della Vecchia Scuola, che ha tra le sue peculiarità un livello di difficoltà medio-alto, è divertente, ma un’avventura di questo genere, che in più punti è semplicemente impossibile (a meno di barare), non è divertente.

C’è anche da aggiungere che, a mio avviso, questo rimaneggiamento della storica avventura non è stato affatto scritto per la prima edizione, bensì per la terza, e poi riadattato per la prima. Penso questo perché: 1) in alcuni punti si parla di LI (Livello di Incontro), concetto inesistente nella prima edizione; 2) i coboldi sono armati di super-fionde che infliggono 1d6 invece che di archi corti; 3) mancano quasi tutte le specifiche sulle abilità speciali dei mostri (malattia, incantamenti, ecc). Se dovessi tornare indietro a masterizzare questa avventura, utilizzerei proprio quella originale, completandola con quel manualetto intitolato “Bargle” della collana Master.

Ad ogni modo io e i miei giocatori abbiamo imparato una cosa da questa esperienza: quando nei vecchi moduli ti scrivevano “per personaggi di livello da X a Y” non intendevano certo quattro! E forse, seppure sia un metodo grossolano (lo sto pensando adesso), basta dare un’occhiata dai DV dei mostri per calibrare un minimo gli incontri.

6 commenti:

  1. Ciao, posso confermare che l'avventura è adattata da da un modulo orginariamente scritto per la 3.5 (sono l'autore del modulo che avete giocato :) ). Successivamente è nata l'idea di riproporla per il D&D classic.
    Tra le altre cose, ho usato anche il modulo Bargle della "Master" quando ho riscritto l'avventura, ma probabilmente c'era bisogno di qualche altro aggiustamento. ;)
    Concordo con l'alta mortalità degli incontri, ma sono gli stessi del manuale base (verme iena e Arpie su tutti). Ti ringrazio per la recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perbacco, un commento proprio dall'autore dell'avventura! Ma allora c'è qualcuno che legge il mio blog. :-P
      Mi spiace esser stato un po' duro, comunque mi rendo conto che già l'avventura originale era sbilanciata.
      Torna a trovarmi, ciao e grazie del commento!

      Elimina
    2. Tranquillo, nessun problema per la recensione, anzi!
      Purtroppo la revisione del modulo adattato a D&D Classic, non è stata fatta in maniera professionale, come andrebbe fatta.
      Vedrò di rifarmi con la versione in solitario che sto adattando e scrivendo.

      Elimina
    3. Sono curioso di leggerla, metti il link quando l'hai completata :) Ciao!

      Elimina
  2. Rieccomi.... per il momento se ti può interessare ho in fase di playtest un librogame basato sul regolamento D&D con la prima avventura del manuale del giocatore di D&D Scatola rossa..... se vuoi dargli una lettura in anticipo, posso mandartela.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina